Grazie a tutti

Queste pagine per me sono come un piccolo libro nel quale racconto la mia passione per la creatività, un grosso grazie a chi per poco si sofferma a dare una occhiata e magari a commentare ciò che posto

venerdì 29 gennaio 2010

Tutorial per la realizzazione di un porta.... beh quello che volete, in feltro

Ultimamente mi appassiona molto questo materiale perchè è molto versatile e con un po' di fantasia si possono realizzare molte "cosine" belle.
Io ho pensato di realizzare una bustina portatutto. Innanzitutto occorre: del feltro grigio tagliato come nella foto sotto, del filo da ricamo rosa, del pannolenci rosa e viola (in questo caso o del colore che preferite)un bottone, delle perline tipo swaroski rosa chiaro e scuro.
ESECUZIONE
Prima di tutto tagliamo il feltro grigio della forma come nella foto








Quindi lo pieghiamo a metà circa e lo cuciamo col filo rosa come nelle foto seguenti

















facciamo anche l'asola per il bottone e profiliamo anche quella










una volta terminato applichiamo il bottone










ora procediamo alla decorazione e con il pannolenci facciamo un fiorellino con i colori in contrasto e due cuoricini allo stesso modo. Facciamo anche un fiocchetto con due strisce di pannolenci di due colori come nella foto








Ora con la colla a caldo applichiamo il tutto e nel centro del fiorellino e intorno ai cuoricini, sempre con la colla applichiamo gli swaroski.
























Ecco fatto io mi sono divertita molto a farlo e sono soddisfatta del risultato!!!

domenica 24 gennaio 2010

Ancora un progetto passo passo di Letizia Barbieri: portariviste a decoupage

Se siete veramente brave con il decoupage eccovi questo passo passo per realizzare un simpatico portariviste
ELENCO PRODOTTI:
-Portariviste in legno
-Primer bianco
-Acrilici  avorio, glicine,verde sedano , bruno...
-Medium Ritardante 
-Colla per decoupage
-Carta Iris e margherite
-Lacca scurente
-
-Foglia imitazione oro
-Alcool
-Vernice finale opaca
-Pennelli piatti e a goccia , tamponi spugna, forbici per decoupage , cutter da taglio

-Stendere una mano uniforme di primer bianco su tutto l'oggetto compreso la parte interna
- Ad asciugatura completa del prodotto carteggiare con carta vetrata l'ggetto per eliminare le imperfezioni del legno. 
- Stendere una mano di acrilico  avorio su tutto l'oggetto.
- Ad asciugatura completa del colore acrilico , carteggiare con carta vetrata per lisciare la superficie e renderla adatta alla decorazione.
 - Ritagliare la carta da decoupage  utilizzando le forbici specifiche il cutter a penna.
- Fare una prova della posizione del ritaglio adagiandolo sulla facciata del portariviste.

 - Immergere il ritaglio in acqua  per qualche secondo, per inumidire bene la carta.
  - Appoggiare il ritaglio su un pezzo di carta assorbente e pennellare il retro con colla per decoupage.
 Adagiare il ritaglio sull'oggetto e premere con il rullino eliminando le bolle d'aria.
Isolare i ritaglio con una mano di colla da decoupage.

- Procedere con la preparazione dei colori per la tecnica del pittorico.
Aggiungere al colore acrilico un pò di medium ritardante , per rallentare l'asciugatura del colore acrilico.
- intingere il tampone spugna nel colore e picchiettare vicino al ritaglio mantenendo le stesse tonalità della carta da decoupage.
Per la scelta dei colori utilizzare i colori proposti nella didascalia sul foglio di carta da decoupage 
- Procedere con la tecnica del pittorico , ricordandosi di aggiungere al colore acrilico il medium ritardante .
- A decorazione completa attendere l'asciugatura dei prodotti utilizzati
 Con un pennello per ritocchi ,riprendere i particolari della carta che sono andati persi con il ritaglio , come gambi e fili d'erba.
Nel resto del portarivista , passare una mano di lacca scurente passato con uno scottex.

- La stesura della lacca scurente deve essere eseguita dall'lato verso il basso , seguendo le venature del legno.
Rimuovere parzialmente il prodotto utilizzando un panno inumidito con alcool.
-Sulla parte decorata con la tecnica del pittorico, schizzare la missione per doratura utilizzando lo spazzolino da denti.
 Quando il prodotto sarà diventato trasparente e appiccicoso, applicare la foglia imitazione color oro, e spolverare l'eccesso con un pennello morbido.
- Proteggere il lavoro con una mano di vernice finale opaca.

giovedì 21 gennaio 2010

Il ritorno al mio primo amore: l'uncinetto







Io devo sempre avere tra le mani qualche cosa da fare, ma mi piace cambiare spesso per cui passo da uno stile creativo ad un altro. In questo periodo mi è venuta ancora la voglia di riprendere in mano l'uncinetto, ma non per fare i soliti centri dei quali ho la casa invasa sotto ogni suppellettile, ma ho pensato di realizzare degli oggetti che possono essere usati come accessori di moda e così senza modello ma inventandomeli ho realizzato ciò che vedete nelle foto che sono solo alcune spero di una lunga serie. Per ora ho solo queste due foto ma l più presto ne seguiranno altre che aggiungerò all'album dedicato. Allora che ne dite? Ho un futuro come stilista?

domenica 17 gennaio 2010

ancora con l'ago magico




Questa  coroncina l'ho realizzata ancora con l'ago magico della lana, un cerchio di polistirolo e.... poncia poncia, così è il termine per questa tecnica ho fissato il "praticello" e abbellito con della rafia e delle roselline e un cuoricino di panno

mercoledì 13 gennaio 2010

Sempre a proposito di feltro


Questo materiale mi piace proprio, perchè è molto versatile anche a secondo dello spessore. Con quello più sottile, diciamo quasi vicino al panno lenci un giorno mi è venuta l'idea di realizzare questo simpatico portachiavi.

L'idea di come realizzarlo mi è venuta a mano mano che procedevo e il risultato è il seguente







Qui di seguito i passi per come realizzarlo
MATERIALE: Del feltro sottile o pannolenci rosa, del nastrino di raso rosa, del filo di nylon , (quello per le collane va bene), del filo moulinè per ricamo rosa, delle perline sulla tonalità del rosa, tre palline tipo argentone (1 grande e 2 più piccole), 1 anello per portachiavi o moschettone, schiaccini











Tagliare da una parte di feltro due cuori uguali, quindi cucirli insieme con il filo da ricamo rosa








Prima di chiudere tutto il cuoricino prendere del filo di nylon, mettere in fondo uno schiaccino e infilare la pallina e aiutandosi con un ago far passare il filo nel cuoricino, quindi riempirlo di ovatta e proseguire la cucitura con il filo da ricamo.Il filo di nylon deve essere abbastanza lungo per poterci poi infilare le perline





Quando è stata raggiunta la misura necessaria con le perline, fermarle con uno schiaccino, ma non tagliare il filo.Iniziare a fare con lo stesso procedimento altri due cuoricini più piccoli e con in fondo le palline piccole, una volta terminati, uno alla volta unirli al grande infilando due fili  alla volta in uno schiaccino e con lunghezze diverse. Chiudere quindi nell'anello portachiavi o nel moschettone e aggiungere il natrino rosa a mo' di fiocchetto.


Il vostro portachiavi è realizzato. Spero di essere stata chiara nella spiegazione.Naturalmente con questo metodo potete realizzare forme e colori che più preferite

venerdì 8 gennaio 2010

Un ago meraviglioso, quello per infeltrire la lana

La lana cardata e il feltro sono materiali molto versatili e hanno scatenato molto la mia curiosità. Con un po' di tecnica e molta fantasia si possono realizzare  originali accessori, io ho preso spunto dalla rivista nella foto e nella mia galleria ci sono alcune delle collane che ho realizzato con questa tecnica. più avanti posterò il procedimento per come infeltrire la lana per chi ancora non conoscesse questa tecnica meravigliosa


Gioielli in feltro

mercoledì 6 gennaio 2010

Ancora ago e filo





Per un po' ho accantonato le mie vecchie passioni, uncinetto e decoupage per avvicinarmi ad altre "arti creative" che mi hanno appassionato anche grazie alla visita di una fiera che si tiene nella mia città ma che so anche in molte altre, vale a dire la fiera della creatività che da noi si chiama CREATTIVA. Quando si va in queste fiere per noi creative è come entrare in un paese dei balocchi. vedi un sacco di bellissime cose e vorrseti comperare tutto e provare a fare nuove cose. E' stato così che mi ha molto incuriosito la lavorazione della lana cardata, con la quale con un po' di fantasia e poca pratica si possono fare bellissime cose. Io amo curiosare nel web e vedere cose nuove da realizzare  e così grazie alla casa editrice alla quale spesso mi affido per i miei lavori creativi (http://www.alexandra.it/), ho trovato una rivista su come realizzare dei gioielli con la lana cardata. Una volta partita con questa tecnica non mi sono più fermata, aggiungendo anche alcuni particolari in feltro, che quest'anno vanno per la maggiore. E i risultati si sono visti anche nel mercatino di Natale, queste collane sono state molto apprezzate. ora a voi il verdetto finale, che cosa ne dite?

lunedì 4 gennaio 2010

Una nuova passione




Certo il decoupage mi piaceva molto farlo, ma poi ero arrivata ad un punto che o uscivo io o uscivano gli oggetti che facevo da casa! Anche perchè solo da circa un anno mi sono anche approcciata anche al mondo dei mercatini e devo dire non con risultati sempre esaltanti, e sembra proprio che gli oggetti a decoupage non attraggano molto. Così girovagando nel web mi sono imbattuta in un sito (che ora non ricordo quale fosse) dove mostrava come realizzare dei bellissimi fiori in stoffa. E così ho cercato di seguire le istruzioni e ne ho..... sparsi ovunque. Di seguito alcune "creazioni" che si possono vedere anche nell'album di foto Che ne dit

domenica 3 gennaio 2010

E POI VENNE IL DECOUPAGE


L'uncinetto fu senz'altro il mio primo amore creativo, in seguito venne il decoupage e fu così per caso. Un giorno un'amica mi disse se volevo andare a casa sua per poter apprendere questa tecnica. Fu una vera scoperta che mi appassionò tantissimo, e a poco a poco senza aver fatto nessun corso, ma grazie a riviste, e libri presi in biblioteca piano piano ho cominciato a sbizzarrirmi in tantissime cose. Ho cominciato a far cambiare aspetto ad oggetti che avevo in casa.
In alcuni lavoretti che ho fatto ho anche associato le due cose, cioè realizzato oggetti con l'applicazione di parti all'uncinetto.
Per un certo periodo mi sono trovata la casa invasa di oggetti, dato che per avere più idee avevo deciso di fare una enciclopedia a fascicoli con un oggetto da realizzare ogni settimana, non sapevo più dove metterli.

Forse non tutti conoscono la storia di questa sorta di "arte" e così voglio pubblicarne un po' di storia per chi ancora non la conoscesse e volesse approfondire un po' meglio l'argomento


découpage è una tecnica decorativa, il cui nome deriva dal francese découper, ovvero ritagliare.
Nota in Italia come "lacca contraffatta", era stata introdotta nel XVII secolo dai mobilieri veneziani per abbreviare i tempi di realizzazione di mobili laccati in stile cinese. Tecnica semplice che non richiede particolari doti artistiche è oggi molto diffusa, con un gran fiorire di riviste e fiere specializzate e materiali professionali. La varietà di carte, colle, pennelli, oggetti e scrap-art è talmente tanto vasta da poter permettere anche a un principiante di avvicinarsi a questa tecnica e prodursi decorazioni d'effetto.

Storia

Troviamo le prime tracce di questa tecnica in Europa già dal Medioevo, quando i monaci amanuensi arricchivano in questo modo i loro manoscritti. La storia del moderno découpage ha però inizio con la passione che le corti europee dimostrarono verso una particolare tecnica, giunta dalla Cina già nel '500 e che si affermò in Europa soprattutto alla fine del '600: la laccatura. Questa consisteva in un procedimento complicatissimo che rendeva mobili e oggetti impreziositi da decorazioni sotto decine e decine di strati di lacca lucidissima. Il costo degli oggetti laccati cinesi era talmente alto e la produzione cosi insufficiente rispetto alla richiesta che abili mobilieri veneziani pensarono di proporre sul mercato un prodotto di imitazione, che consisteva nel ritagliare stampe orientali, incollarle e proteggerle sotto strati di finitura di sandracca (una resina di origine naturale), fino ad ottenere un oggetto molto simile all'originale: nasceva cosi la cosiddetta arte povera veneziana, che col tempo si sarebbe arricchita di oggetti di grande gusto cromatico e compositivo. Presto la tecnica si diffuse in Francia poi in Inghilterra, e il culmine della notorietà si ebbe nel XVII secolo quando nelle case degli aristocratici inglesi fecero furore le Print Room (stampe raffiguranti città europee, che venivano incollate direttamente al muro e impreziosite da decori e cornici di contorno). Lo stile del découpage cambiò completamente in epoca vittoriana: infatti intorno a una stampa centrale ruotavano fiori, scene campestri, immagini di bambini sovrapposti tra di loro a caso. Dopo quasi un secolo, il découpage ritorna ad andare di gran moda perché permette di decorare mobili e oggetti con grande facilità, e l'utilizzo dei nuovi prodotti ha inoltre semplificato notevolmente il lavoro, rendendo l'esecuzione più agevole e più rapida
orologio sarah key.jpg

sabato 2 gennaio 2010

La mia prima passione di creatività

L'uncinetto è stata la mia prima vera passione, ho iniziato si può dire quasi bambina, quando ancora una volta nelle scuole medie si insegnava educazione tecnica e i maschietti facevano attività prettamente maschili quali traforo e simili e le femminucce si dedicavano alle attività femminili. Da qui è partita la passione e non si è mai fermata,salvo qualche periodo in cui ho inserito altre passioni (e sono parecchie) ma per poi riprenderlo sempre in mano. Mi rammarica constatare che oramai quasi più nessuno apprezza questa tecnica, sarà che ora le donne di casa preferiscono la praticità dei mobili senza fronzoli oppure è passato di moda non so e penso sia un vero peccato. Di seguito vi offro una anteprima di una piccola parte di cio' che ho realizzato attraverso gli  album che suddividerò per categoria delle mie tante "passioni". Spero vi faccia piacere sfogliarlo e sarà per me motivo di orgoglio ricevere dei commenti a tali foto. Ringrazio in anticipo chi vorrà perdere un pochino di tempo per soffermarsi su queste pagine dedicate alla creatività
centrini uncinetto.JPG

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...