Grazie a tutti

Queste pagine per me sono come un piccolo libro nel quale racconto la mia passione per la creatività, un grosso grazie a chi per poco si sofferma a dare una occhiata e magari a commentare ciò che posto

sabato 1 febbraio 2014

Un giorno che non potrò mai dimenticare...

So che in questo blog di solito pubblico altri argomenti, decisamente molto più allegri di quello di cui ora sto per parlarvi, ma non posso fare a menodi lasciare anche qui un piccolo tributo di affetto nei confronti della mia amata gatta che proprio ieri mi ha lasciata dopo avermi fatto compagnia per ben 16 anni
E' morta di vechiaia certamente ma anche una serie di patologie ultimamente avevano reso la sua vita oltre che la mia un pochino difficile
Ultimamente  aveva problemi a deambulare, faceva i suoi bisogni ovunque e non curava più la sua igiene, per cui anche poterle fare qualche coccola era praticamente impossibile se non  farlo con dei guanti
Forse se anche il mio veterinario non fosse stato così restio al fatto di  farmela sopprimere prima, sarebbe forse morta prima ma certamente con meno sofferenza, invece ogni volota mi diceva che finchè mangiucchiava qualcosa e riusciva a reggersi sulle zampe si poteva protrarre in la l'inziezione letale
Ho passato notti insonni al pensiero di svegliarmi la mattina e trovarla morta
E così è stato
Ieri mattina (31 gennaio 2013) come mi sono alzata sono andata a vedere nella sua cesta ed era immobile
La mia amata Micia non c'era più
I giorni precedenti viste il peggiorare delle sue condizioni avevamo già preparato il suo giciglio per l'aldilà ( se esiste anche un aldilà degli animali) avevamo deciso di seppellirla nel nostro giardino e preparata così la buca dove avrebbe riposato per sempre
E' stato straziante il prenderla fuori dalla cesta , già rigida, avvolgerla in un panno e porla in quello che sarebbe diventato il suo giaciglio eterno
E in questi giorni che il tempo non è mai stato clemente, ieri mentre la seppellivamo è uscito un timido raggio di sole, quasi a saldarla per un ultima volta, lei che amava così tanto crogiolarsi al sole distesa sul prato
E vi voglio lasciare anche una bellissimo racconto che mi ha lasciato  su facebook una cara amica a commento del mio post di sconforto per questa mia perdita
 
La leggenda del Ponte dell’Arcobaleno

Narra la leggenda che dall’altra parte dell’arcobaleno esista un posto chiamato Ponte Arcobaleno. Quando un cane, un gatto, un coniglietto, un criceto muore va lì, in quel luogo speciale in cui ci sono prati e colline per tutti i nostri amici, che possono correre e giocare. Essendo un posto speciale, c’è tanta pappa, acqua sempre fresca e il sole che riscalda tutti. È speciale anche perché lì tutti i nostri amici stanno bene: quelli vecchi ora sono giovani, quelli malati sono in splendida forma, quelli abbandonati sono felici con i loro amici, quelli a cui è stato fatto del male sono guariti e felici. C’è solo un dispiacere che accomuna tutti gli abitanti del Ponte Arcobaleno: la nostalgia verso qualcuno davvero speciale che hanno dovuto lasciare.

Lì, al Ponte Arcobaleno, tutti giocano insieme: i cani con i gatti, i gatti con i pesciolini rossi, i conigli con i furetti e i criceti con i serpenti.

Capita, però, che qualche volta qualche animale si fermi improvvisamente ed inizi a scrutare l’orizzonte: si tende, guarda, osserva. All’improvviso lascia il gruppo e corre verso un punto ben preciso (sì, anche le tartarughe corrono): stai arrivando tu, la persona speciale che tanto gli mancavi. Baci, carezze, leccatine, morsetti… ora starete insieme per sempre. Altro che pentola piena di monete d’oro!

Non avevo mai affrontato una esperienza simile non avrei mai pensato di provare un dolore così grande, è lo stesso dolore che ho provato per la perdita di persone care, ma credo lo si possa provare solo se si prova davvero un grandissimo amore per gli animali
ADDIO CARA MICIA, SARAI SEMPRE NEL MIO CUORE E MENTRE RIPOSI SOTTO IL PINO IL MIO SGUARDO VOLGE LI E SO CHE IN UN CERTO SENSO NON MI HAI MAI ABBANDONATA

2 commenti:

  1. Questo tuo post mi ha profondamente commossa. Cosa posso dirti per consolarti di una perdita così grande? Non ci sono parole di fronte alla tristezza che si prova quando un amico animale ci lascia. Però pensa all'arcobaleno, a tutti gli anni (tanti!) che tu e la tua bellissima micia avete trascorso insieme. Ti mando un abbraccio forte, e sappi che in questo momento, mentre ti scrivo, proprio qui accanto a me sul divano c'è un bel gattone rosso che da qualche settimana ha deciso di "adottarmi": sta guardando il tuo post. Un giorno anche lui farà amicizia con la tua bella gattina. Ciao.

    RispondiElimina
  2. Cara Laura, grazie per le tue belle parole, avendo anche tu un animale domestico mi puoi certamente capire, non pensavo potesse essere un dolore così grande anche nei confronti di un animale, ma dopo così tanti anni era oramai membro della famiglia
    E' passata quasi una settimana dalla sua dipartita, ma ancora non mi rssegno al fatto di non trovarmela più davanti e immaginarla invece la tutta sola in giardino sotto al pino e con qeusto tempo inclemente la pioggia incessante che la bagna tutta
    Fortunatamente di gatti ne avevo due e ora c'è l'altro a tenermi compagnia , e oltretutto nel vero senso della parola visto che è un gatto mammone come lo chiamo io, visto la sua continua esigenza di coccole!!!

    RispondiElimina

Grazie per la visita, lascia pure un tuo commento se quello che hai visto ti è piaciuto

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...